Autoaffaristore promuove e supporta l'applicazione della Norma UNC DOC-01 emessa da UNC
Home>Blog

News dal mondo dell'auto

Volkswagen: manomessi anche 98 mila modelli a benzina



05 Novembre 2015

 

Volkswagen: sotto accusa anche le auto a benzina

 

Sarebbero 800 mila le vetture coinvolte nello scandalo, ma questa volta ad essere prese di mira sono anche le auto a benzina del gruppo VW.
 

Ennesima batosta per il gruppo Volkswagen la cui situazione, dopo lo scandalo che l'ha visto protagonista, si sta rivelando sempre più pesante e ricca di retroscena.
 

ANCHE 98.000 VOLKSWAGEN A BENZINA SAREBBERO COINVOLTE

Secondo le ultime notizie pubblicate ufficialmente dallo stesso marchio, il quale ha condotto un'indagine interna nelle ultime sei settimane, le auto coinvolte nella manomissione delle emissioni da parte di software sono 800 mila, di cui 98 mila alimentate a benzina. Non sono solo le emissioni di ossido di azoto (NOx) delle vetture diesel ad essere dannose per la salute e per l'ambiente, ma anche quelle falsate di anidride carbonica (CO2) che non rispettano i limiti.



DANNO POTENZIALE DI 2 MILIARDI DI EURO

Dopo il secondo avviso di violazione da parte dell'EPA, che ha visto coinvolti anche modelli Porsche e Audi, questo nuovo aspetto della questione rende ancora più delicata la posizione del colosso tedesco. Nella nota, la casa automobilistica fa sapere che i danni previsti si attestano intorno ai 2 miliardi, da aggiungere agli 11 miliardi di multa da pagare per la manomissione dei modelli diesel.
 


CONTROLLI A TAPPETO SUI MODELLI VOLKSWAGEN

Alexander Dobrindt, ministro dei Trasporti tedesco, annuncia che saranno effettuati controlli su tutti i modelli Volkswagen, sia a benzina che a gasolio.

Intanto, l'agenzia di rating Moody's ha declassato il gruppo Volkswagen dalla A3 alla A2.



Commenta l'articolo
Tutti i campi sono obbligatori e la loro mancata o parziale compilazione non permetterà l'invio del commento.
Ti ricordiamo che l'indirizzo e-mail non verrà visualizzato.

Nome: E-mail:
Commento:


[ Torna agli articoli ]